allemandi
Società  Editrice Umberto Allemandi & C. S.p.a. - Fondata nel 1983 - Torino London New York Venezia

Gabriele Capello «Moncalvo»


Recensioni
«Eccellente ebanista, ma anche uomo straordinario; le sue opere e la sua vita».
Antiquariato

Ebanista di due re

di Roberto Antonetto


Intorno alla figura romanzesca dell’ebanista Gabriele Capello, detto «Moncalvo» dal nome del suo paese d’origine, questo libro percorre la storia dell’arte lignea della Torino ottocentesca sullo sfondo delle trasformazioni industriali e dei fermenti artistici e culturali del Risorgimento e dell’unità d’Italia. Alla corte di Carlo Alberto, Capello dà forma a gran parte dei progetti di Pelagio Pelagi, ma è consapevole che la bottega deve cedere il posto alla fabbrica: al culmine della sua attività avrà uno stabilimento con 130 dipendenti nel borgo di Vanchiglia, che oltre a produrre mobili di committenza reale e di numerosissimi privati, allestirà anche un gran numero di vetture ferroviarie, tra cui il convoglio di Vittorio Emanuele II. All’appassionante profilo biografico di Capello fa seguito nel volume una dettagliata ricostruzione della sua opera di mobiliere, resa possibile da una meticolosa ricerca d’archivio durata due anni.Roberto Antonetto
Giornalista e scrittore, ha fatto parte della Redazione giornalistica della Rai per trentacinque anni. Si è dedicato alla ricerca e alla divulgazione di memorie storiche, artistiche e culturali piemontesi. Ha pubblicato numerosi saggi e articoli per riviste e quotidiani, e diversi studi tra i quali: «Il Castello di Guarene» (1979), «Torino altrui» (1981 e 1991) e «Vita, tempeste e sciagure di Salgari» con Giovanni Arpino (1982 e 1991), «Le Residenze Sabaude» (1985 e 1992), «Pietro Piffetti e l’ebanisteria a Torino dal 1670 al 1838» (Allemandi 1991 e 2001), «Vedere Torino» (1999), «Pietro Accorsi, un antiquario, un’epoca»(1999), «Frèjus. Memorie di un monumento» (Allemandi, 2000). Il suo volume «Minusieri ed ebanisti del Piemonte» (Daniela Piazza, 1985) è considerato, insieme ad altri scritti dedicati all’argomento, un fondamentale contributo alla conoscenza del mobile piemontese.


Pagine: 328
Misure: 21 x 30,5 cm
Illustrazioni: 209 col., 14 b/n
Legatura: rilegato
ISBN: 978-88-422-1239-3
Prezzo: 50,00 €