allemandi
Società  Editrice Umberto Allemandi & C. S.p.a. - Fondata nel 1983 - Torino London New York Venezia

Sardegna svelata


Recensioni
«L'anima della Sardegna raccontata in 200 pagine, ovvero con un triplo salto mortale dal Nuragico alla modernità... un racconto gradevole e vivace».
Corriere della Sera

La Barbagia di Grazia Deledda dal 1871 al 1959. Arti e riti di passaggio verso la modernità.


Tra la seconda metà dell’Ottocento e la prima del Novecento, una feconda attività culturale scuote Nuoro, cuore della Barbagia, e l’intera Sardegna. Risveglia una terra dove il codice d’onore disciplinava i comportamenti e dove povertà e analfabetismo erano diffusi da sempre, proiettandola con accelerate reazioni a catena dal nuragico alla modernità. Con acuta sensibilità il volume ripercorre la singolare storia di questa straordinaria rinascita avvenuta dopo secoli di silenzio, che raggiunge il suo apice con il Nobel assegnato a Grazia Deledda nel 1926. Ma già nel 1907 la «Madre dell’ucciso» dello scultore Francesco Ciusa era stata esaltata dalla Biennale di Venezia e dalla critica. Eventi che divengono riferimenti forti per quegli artisti che, coniugando impegno intellettuale e politico, scelgono l’isola-madre come luogo d’elezione professionale. Ne esaltano l’identità nel solco di una storia più generale con opere di un simbolismo e un realismo in continua evoluzione, con sempre più chiare proiezioni nel futuro. In quest’ottica il libro ritrae il fermento di una Sardegna dove il bisogno di innovazione scuote artisti e letterati ansiosi di superare il controllo iconografico del clero e del governo centrale; dove il passato è rivelatore di una condizione umana che pone il problema della trasformazione; dove l’eredità genetica, sfidando spazio e tempo, si riflette sul domani.
A cura di: Gavina Ciusa
Pagine: 192
Misure: 20 x 23 cm
Illustrazioni: 115 col., 50 b/n
Legatura: rilegato
ISBN: 978-88-422-1142-6
Prezzo: € 30,00 sconto 15% € 25,50