allemandi
Società  Editrice Umberto Allemandi & C. S.p.a. - Fondata nel 1983 - Torino London New York Venezia

Il Castello di Rivoli


Andrea Bruno, Ida Gianelli, Claudio Bertolotto


Quando Juvarra nel 1715 dichiarò compiuto un primo lotto dei lavori per il Castello di Rivoli forse non immaginava che sarebbe stata proprio l’incompiutezza la condanna, ma allo steso tempo la fortuna del grandioso cantiere. Nato nell’XI secolo come castello arroccato sulla collina sovrastante il borgo, le prime testimonianze sull’aspetto dell’edificio descrivono una struttura fortificata, composta da una serie di volumi sui quali svetta una torre a pianta quadrata. Purtroppo la scenografica magnificenza del progetto juvarriano non riuscirà mai a vedere la luce perché nel 1734 il cantiere venne fermato e la sua storia proseguì tristemente fra alterne vicende di abbandoni, recuperi, donazioni e occupazioni fino ai giorni nostri. Il piano di recupero, ideato nel 1961 per salvare l’edificio dallo stato di degrado nel quale era stato lungamente abbandonato, diede origine ad un nuovo progetto di restauro volto non più al recupero delle vestigia di un’antica civiltà, ma alla creazione di un’emblematico spazio dei nostri tempi, nel quale l’antico può essere finalmente risolto attraverso le forme del contemporaneo. Da questa intuizione è iniziata, nel 1984, la seconda vita del Castello di Rivoli come sede del Museo d’Arte Contemporanea. L’ambigiuità incompiuta dell’architettura e l’impatto energico delle opere in essa esposte si combinano in un gioco di rimandi e in un ininterrotto dialogo fra passato e modernità che fanno del Castello di Rivoli Museo d’arte Contemporanea un interprete d’eccezione della dialettica fra tradizioni architettoniche, artistiche ed estetiche.
Pagine: 80
Misure: 24 x 34 cm
Illustrazioni: 49 col., 17 b/n
Legatura: rilegato
ISBN: 978-88-422-1583-7
Prezzo: € 12,90 sconto 15% € 10,97